3 Anni in 3 Minuti

A questa categoria possono partecipare tutti i dottorandi o neo "dottori di ricerca" i quali dovranno prefiggersi il compito di raccontare le proprie ricerche condotte nei tre anni di dottorato.
3 anni in 3 minuti

"Tre anni in tre minuti: provate a raccontare, voi che siete dottorandi, neo dottori, che siente quindi nel mondo della ricerca o all'inizio, in tre minuti, i vostri tre anni di ricerca; ma che sia un "racconto"!

Uscite dal mondo delle diapositive che vengono presentate nei congressi, che vanno benissimo in quella sede; cercate di essere creativi e di raccontare in tre minuti il lavoro di tre anni; mostrate il terreno, mostrate le rocce, il vostro laboratorio, il risultato della vostra ricerca.

Spiegate bene perché è così importante la ricerca che avete fatto!
Buona fortuna."

Mario Tozzi

Suggerimenti

Il video, che non dovrà comunque superare i tre minuti, potrà essere realizzato in prima persona, come fosse un racconto vero e proprio, oppure in terza persona o in qualunque altra modalità adatta all'obiettivo.

Non si mette limite alle modalità creative che ovviamente dovranno valorizzare al massimo il materiale raccolto ed elaborato durante gli anni di ricerca.

Nel caso in cui, durante i lavori, non siano stati raccolti video, un buon lavoro di elaborazione di fotografie può portare comunque a risultati di elevato valore contenutistico e scenografico.

È importante ricordare che la finalità del video è quella di raccontare al grande pubblico la propria ricerca e quindi la semplicità dei termini usati o nel caso fossero necessari, la loro spiegazione, risulterà importante ai fini dei giudizi della giuria.